La Ricchezza è dentro, è fuori, è adesso

  • jo sa ya aprile 55 2012

Bianca l'abbiamo conosciuta la 3° e 4° giornata del Seminario "Appuntamento con la Ricchezza Vera" di Josè Scafarelli e Ana Maria Ghinet. Noi Josaya c'eravamo con due interventi Ho-oponopono, il primo tenuto sabato da Giovanna e la domenica tutti e tre, insieme a tutti i partecipanti a vibrare e ripulire nella emozionante meditazione Ho-oponopono per favorire l'Abbondanza e la Prosperità.

Ed è stato un altro fine settimana denso e colmo di emozioni e di esperienze e di tante belle persone conosciute. Come Bianca appunto.

Josè e Ana Maria ci hanno fatto giocare, interagire e approfondire e soprattutto mischiare le carte in tavola col nostro subconscio, cosa che noi Josaya siamo abituati a fare, e a insegnare, con Ho-oponopono. Ma è stato davvero molto appagante, divertente e, come molti colleghi di esercizi ci hanno detto liberatorio e costruttivo mischiare anche l'emisfero femminile e maschile come prevedeva il programma di questo fine settimana.

Ana Maria Ghinet conosce da tempo Ho-oponopono e ha approfondito molte tecniche energetiche, non solo, canalizzando lei stessa ha elaborato un sistema, che è la somma di moltissime angolazioni vibrazionali, per azzerare le memorie inconsce e i punti dolenti dei clienti che le si affidano. In questo seminario molte energie sono state investite proprio in questa operazione di centratura per fare dei due emisferi UN canale completo: donante e ricevente. Josè dal canto suo ha gestito la parte materiale legata alla professione, al denaro e al guadagno. Tutto è stato alternato in maniera armonica. Abbiamo avuto anche la presentazione di un' opportunità di reddito concreta (a cui qualcuno ha aderito) illustrataci da Alvise Fedrigo, amico e presidente di Diapason eventi, anche lui con noi in questi due giorni, nella presentazione di un network molto interessante che distribuisce un ottimo caffè con estratto di Ganoderma.

Bianca e la sua mamma Magda, rumene da cinque anni in Italia, amiche e collaboratrici di Ana Maria sono state due delle bellissime  persone conosciute (insieme alle tante ri abbracciate dopo tre settimane) in questo week end dove abbiamo avuto il piacere di intervenire anche questa volta come relatori.

Tornando a Bianca... Ha 17 anni, è bella come un angelo e altrettanto dolce. Ci ha colpito, lei come la sua splendida mamma Magda, perchè spesso (e quanto a torto soprattutto in questa epoca) si pensa che i ragazzi siano superficiali o che comunque ci voglia "tempo" o chissà quali altre qualità (o delusioni e dolori) per addentrarsi nella scoperta del magnifico universo che siamo. E dopo una bella conversazione Bianca ci ha scritto che...

Essere “strani” significa essere speciali Ti sei mai sentito “strano” nel confrontarti con le altre persone, magari della tua stessa età e ambiente? Io a cuore aperto dico “si”! Per molto tempo infatti mi sono inconsapevolmente creata una realtà che mi faceva soffrire. Una realtà in cui mi sentivo "strana", incompresa ed isolata dai miei coetanei.  Anni e anni mi sono chiesta il perché della mia situazione  del motivo per cui avvertivo questo abissale distacco tra me e coloro che normalmente sarebbero potuti diventare i miei amici. A causa di questo volevo persino cambiare ciò che ero, la mia essenza, tutto pur di diventare “uguale alla massa” e divertirmi. Non realizzavo che essere me stessa potesse darmi alcun giovamento perché non avevo una vita appagante nell’ambito sociale. Se a questo, si fosse aggiunto anche una situazione familiare negativa, di sicuro, sarei rimasta nella stessa condizione anche al giorno d’oggi. I miei genitori mi hanno sempre sostenuto, incoraggiato e mostrato il mio  valore, ciò che veramente ero. Cercavano  di farmi capire che non vi era alcun difetto in me e che, anzi, il motivo per cui vivevo quella situazione era perché solo più matura dei miei coetanei. Matura perché l’assenza  dei miei genitori per un periodo significativo di tempo  aveva plasmato la mia indole e spirito in modo diverso.

Grazie, però a mia madre, alla quale sono immensamente riconoscente, mi si è aperto un mondo di cui ignoravo l’esistenza. Un mondo che è oltre la realtà visibile. Un mondo che ti cambia, ti rende cosciente di quel che accade intorno a te e il motivo per cui esso accade. Un mondo che mi ha reso consapevole che vivo ciò che vivo perché io l’ho richiesto per crescere ed imparare. Un mondo senza giudizi e fatto semplicemente di Amore.

Nel presente posso dire con tutta l’anima di essere cambiata grazie alla scoperta di  questo “nuovo mondo” che nuovo è soltanto perché io mi sono permessa di vederlo da poco. Ora vedo la realtà, la società che mi circonda (oltre l’ambiente familiare), con occhi diversi e osservo senza più giudicare il comportamento degli altri nei miei confronti. Questo ha prodotto notevoli miglioramenti anche nel mio rapporto con le altre persone, rendendomi simpatica non solo ai miei occhi ma anche a quelli degli altri. Sono rinata e non mi considero più strana. Ho capito di essere particolare e speciale nel mio piccolo e che, liberandomi del peso con il quale vivevo prima, ho reso un omaggio alla mia anima (ciò che per me è stato l’evento più importante che potesse mai capitarmi). Ho compreso anche che quello che noi vediamo è soltanto una minima parte di quello che siamo e di quello che è. Aprendo gli occhi mi sono resa conto dell’importanza di ognuno di noi e che la diversità non è un difetto ma un pregio ed uno anche bello importante. Questa è la mia esperienza fino ad adesso ed anche se sono consapevole di essere appena all’inizio della mia evoluzione sento di averne messo le fondamenta. Semmai ti fosse capitato di sentirti come me, in qualsiasi circostanza, ricordati : “Tu sei SPECIALE e PUOI fare sempre la differenza... SEMPRE!” Per ora ti saluto piccola grande anima e aspetto con grande entusiasmo il momento di scriverti ancora!

Bianca Luana Chi

CondividiShare on Facebook132Tweet about this on Twitter8Share on Google+5Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Email this to someone
Categorie
27 Commenti
  1. Che persona speciale Bianca!

    Leggendo questo articolo mi sembrava di leggere parte della storia della mia vita :) veramente emozionante!
    Un vero e proprio angelo!

    Complimenti Bianca! Hai trasmesso un messaggio importantissimo e fortissimo per tutti i giovani, e non solo..

  2. Bianca Chirnoaga

    @ George Luis:

    Ti ringrazio di cuore George! Sono contenta di essere stata capace di regalarti delle emozioni :D E’ molto importante questo per me!!!!

    Ringrazio con tutta l’anima anche e soprattutto Josaya che con tanto amore ha pubblicato il mio articolo!!! Grazie grazie e ancora grazieeeeeee <3

  3. Ho pianto nel leggere quest’articolo…autentico nell’Anima.

    Mi sono ricordata delle vostre Anime, delle nostre origini…

    Bianca, la tua purezza è evidente, il tuo amore per l’umanità altretanto, come può essere meglio di cosi per la tua vita?
    Sono stracontenta che sei il mio angioletto con le ali, ti adoro, sei BIANCA in tutti sensi della parola…

    Grandi Josaya, quanto vi stimo, quanto vi voglio bene per aver permesso a Bianca di esprimere il suo calore…

    Vi amo tantissimo, tutti quanti, pure a te che leggi… :)

    Tanta Luce,
    Ana Maria

  4. Romina

    Devo dire che questo articolo è davvero speciale e nelle parole che Bianca scrive si possono leggere le emozioni e l’amore che lei prova..
    Io ho qualche anno in più di te, Bianca e mi trovo ad affrontare lo stesso percorso che hai fatto tu.. Rinascere..rinascere per essere veramenre ciò che sono, senza condizionamenti e paure..leggendo le tue parole mi sono immedesimata nella tua storia e hai ragione..essere sè stessi è il regalo più bello che possiamo farci..
    un bacione! :)

  5. miky

    Bianca, sei veramente fantastica. Hai scritto delle cose stupende e mi hai fatto ricordare la cosa che più mi riesce difficile ricordare… Tutti noi siamo esseri speciali… Se ce lo ricordassimo un pò tutti più spesso sicuramente vivremmo in un mondo migliore. L’importante è cominciare a date l’ imput. Grazie a tutti voi che da quando vi ho “incontrati” le cose per me e la mia famiglia hanno iniziato a girare per il verso giusto. Grazie :)

  6. Alfonso

    Ciao a tuttiiii!!!!Grazie Bianca mi hai fatto ricordare cosa provavo quando ero piu piccolo e mi sentivo “strano”.Pensavo ke fossi io a vedere il mondo al contrario degli altri ed alla fine mi sono uniformato.Ma col tempo ho trovato il coraggio e la forza di capire ke quello “strano”era il mio vero modo di essere e cercare una strada per tornare ad essere “strano” magari ancora di piu di allora.Proporrei un applauso per tutte le persone “strane” di questo pianeta .Essere diversi dalla massa ed essere se stessi è un diritto.

  7. Altea

    Grazie nel leggere lo scritto nn si direbbe che hai solo 17 anni…..wow che meraviglia.
    IO mi sento ancora oggi un pochetto strana grazie di avermi ricordato che invece sono speciale…grazie grazie

  8. maria luisa

    Cara piccola Bianca, ho combattuto da molto piccola contro la mia diversità.. contro la mia stranezza.. da non molto ho capito che era invece un valore, una ricchezza, da espandere, da mettere in gioco. Ma quanta strada c’è da fare.. per riprendere il percorso. Grazie a tutti voi che mi state offrendo una bellissima scorciatoia per ritornare al passo antico, il mio passo.. lento.

    Un forte abbraccio
    maria Luisa

  9. Andrea T.

    Grazie a tutti voi…Quanta Luce! E si conta ogni scintilla…che poi unite fanno si che un Luce forte. Vibrazioni altissime, wow!! -Grazie-ti amo-mi dispiace-perdonami-.

  10. Anna

    E’ sorprendente sentir parlare Bianca in modo così profondo per una ragazzina di 17 anni!!! Evidentemente l’anima di Bianca viene da molto lontano ed è molto antica e, quindi, saggia!!!!
    Un grande abbraccio di luce da Anna

  11. maurizio

    E’ BELLO SAPERE CHE CI SONO DEI GIOVANI COME BIANCA CHE MALGRADO LA LORO GIOVANE ETA’ RIESCONO A VEDERE IL MONDO IN MANIERA DIVERSA. MI RENDO CONTO CHE FARE UN PERCORSO DIVERSO DALL’80% DELLE PERSONE PUO’ PROVOCARE STRESS PUO’ ALLONTANARCI DA ALCUNI VECCHI AMICI CHE NONN CONDIVIDONO I NOSTRI OBBIETTIVI. IO NEL MIO PERCORSO HO PERSO ALCUNI AMICI MA NE HO TROVATI MOLTI DIPPIU’.

  12. rosangela

    Cara Bianca, leggerti è stato come rivedere me stessa nello specchio del mio passato, avrei potuto scrivere quasi le stesse cose, dico quasi perché io invece mi sono sentita diversa, sola e meno degli altri anche all’interno del mio stesso ambito familiare e questo, negli anni mi ha portata alla deriva della vita e, volendola definire su un piano puramente umano, potrei dire che la mia è stata una vita totalmente non vissuta: non ho intrapreso nulla e realizzato assolutamente nulla da nessun punto di vista, ho vissuto completamente dominata dalle insicurezze, dalle paure e dalla sfiducia. Le mie ali sono state completamente tarpate sul nascere ma, siccome alla fine ognuno di noi, con i propri tempi, va dove la propria anima lo conduce, ora, alla soglia dei cinquant’anni, quasi a dispetto del lento, dispersivo e disordinato processo di crescita sono giunta alle soglie di una nuova e MERAVIGLIOSA fase della mia vita.Ho raggiunto un livello di consapevolezza tale per cui di tanto in tanto mi accade di vivere bellissimi momenti di consapevolezza da un livello di coscienza più elevato. Sono come squarci da una mente superiore grazie alla quale riesco a distaccarmi dalla mente ordinaria. Al momento sono solo degli assaggi che però danno molto l’idea di quanto la dimensione delle cose materiali sia molto diversa da quella che noi percepiamo nella dimensione umana e questo è meraviglioso. Quindi dico GRAZIE alla mia “diversità”, GRAZIE alla mia vita non “felice”, dico GRAZIE a tutto quello che ho vissuto e che non ho vissuto. E’ stato tutto PERFETTO. Tu Chiara sei giovanissima e hai già delle consapevolezze che io alla tua età nemmeno mi sognavo, quindi sei molto avanti, hai davanti a te tutta una vita e un universo di Amore che ti aspetta! Un grande abbraccio

  13. Bianca Chirnoaga

    Le vostre bellissime parole mi hanno toccato il cuore e la storia delle vostre vite mi ha fatto capire che non sono poi tanto strana iihihih!! Voi me lo avete dimostrato :)
    Siamo tutti strani, o meglio SPECIALI <3 Grazie grazie grazie e un abbraccio forte forte con tanto Amore <3

  14. stefania

    grazie per queste parole bianca ricordo che anch’io a 17 anni mi sentivo strana e mi ci sento ancora cosi’ a volte purtroppo essere se stessi non e’ sempre facile io forse ci sto riuscendo adesso alla soglia dei 40 , ho capito che la cosa piu’ importante per me per la mia anima e’ vivere per amore con amore e d’amore ,ho tanta fede e anche se a volte il dubbio la paura di avere sbagliato tutto nella mia vita provano a farmi cambiare idea qualcosa di piu’ profondo che non so spiegare, qualcosa che ” sa” mi ricorda di crederci fino in fondo e di non mollare mai.ciao bacio

  15. Sei davvero una piccola saggia…….piccolo grande cucciolo !
    che la tua vita sia sempre piena li luce, la stessa che emani tu ora ! Un abbraccio forte, piccola grande anima !
    Graziella

  16. alessandra

    Devo dire ke anch’io mi sentivo cosi alla tua età mi ritrovo parecchio nelle tue parole…….. avrai sicuramente un futuro meraviglioso:-)))))) Pace e serenità a tutti…….

  17. andrea

    Bianca,benvenuta nel vero mondo dove l’illusione scompare e la realtà (la tua realtà) regna e ti da la vera vita.Un abbraccio a tutti.

  18. marina

    è vero, a volte ci si sente strani e fuori posto, anche nel proprio ambiente, ed è altrettanto vero che dovunque si vada o ci si trovi, si fa sempre la differenza,
    bellissime e sagge parole
    grazie

  19. NINA

    che bello avere una figlia come sei tu. hai fatto tanto del bene anche a me che ho una figlia di 27 anni.anche lei sta cominciando a vedere la luce. brava e grazie di cuore.sei bellissima.

  20. joel petracco

    sicuramente una grande e sensibile anima,anche fortunata a capire certe verità così presto,lo auguro a tutta la nuova generazione,aloha ;) jo.

  21. Ciao a Tutti

    Ueee… Bianca!!!
    E Vai!!!!!

    Bello…
    bello quel che hai scritto, perchè mi da equilibrio.

    Io Bianca, mi chiamo Claudio, vivo ora in Svezia, ma ho vissuto fuori dall’Italia in paesi differenti per la maggior parte dei miei 40 anni di vita.
    E’ da quando ho i più lontani ricordi (quindi intorno ai miei tre anni di età) che mi vedo strano, mi sento strano.
    Spesso e da sempre mi sono trovato a non condividere la stessa linea d’onda dei miei coetanei e non, dei miei amici, insegnanti… insomma… un po’ tutti.
    Arrivava il momento (ed arriva ancora) in cui mi sembrava di stare in un mondo di matti. Scaturiva poi la conclusione (e scaturisce ancora) che il matto dovevo essere io, visto che tra loro, quella che io individuavo come un’enorme maggioranza impazzita, si capivano (o così sembrava).
    Insomma, non passa giorno in cui non vanga colpito da qualcosa che mi stupisca per stranezza. Che mi classifichi come “pazzerello” se mi sforzo di considerare il circostante Umano più o meno “normale”.
    Proprio perchè condivido con te l’esperienza del sentirsi un pochino differenti dal comune, condivido la semplicità con cui descrivi l’amorevole convivenza con tale esperienza.
    Certo come lo sei tu, che ciò sia un dono, anche se a volte complicato da gestire, mi riscalda l’anima veramente tanto, il fatto di sapere che un cuore tanto giovane ne parli, allontanandosi per un attimo delle globalizzate distrazioni moderne.
    Frequento spesso, qui dove vivo, Chris. Un’amico che viene dalla Serbia che, a soli 18 anni, dimostra una maturità interiore che pochi “adulti” hanno.
    Ora arrivi tu, diciassettenne, a ricordare a noi maturi di volerci bene.
    Raro per me trovare piacere più grande che quello di incontrare ragazzi così giovani in grado ridestare quei dormienti, che per età anagrafica, si sentono ormai arrivati.
    Raro trovare piacere più grande nel vedere dei giovani speciali come te o il mio amico Chris che stanno accingendosi a prendere le redini dei Nostri figli, governi, nonchè di noi stessi più vecchietti, con tanta naturale e spontanea dolcezza.

    Grazie Bianca per avermi ricordato di non usare la mia “stranezza” ma il mio “dono”.
    Grazie di avermi ricordato di vivere per ciò che sono.

    Dal Cuore

    Claudio

  22. Bianca Chirnoaga

    Vi ringrazio con tutta me stessa per aver voluto condividere con noi le vostre emozioni ed Amore, un Amore che è davvero immenso <3 Un abbraccio immensamente caloroso <3<3

0 Pings & Trackbacks

Lascia un Commento